Satta: "Unico punto: quanti erano in via Fani?" (FamigliaCristiana.it)

di Annachiara Valle, del 07 agosto 2013

Da FamigliaCristiana.it del 7 agosto 2013

"Molte risposte sono state date dai processi e dalle Commissioni d'inchiesta, non credo ci sia molto altro". Vladimiro Satta, storico e documentarista, ha messo in due volumi Odissea del caso Moro . Viaggio controcorrente attraverso la documentazione della Commissione Stragi (edup) e Il caso Moro e i suoi falsi misteri (Rubbettino) tutte le risposte ai quesiti che ogni tanto si agitano nell'opinione pubblica italiana.
"Intanto il luogo della prigionia. Si sente dire, qualche volta, che Moro potrebbe essere stato detenuto anche in via Gradoli, l'altro covo delle Br scoperto per cause accidentali. Cosa inverosimile visto che in quell'appartamento non c'era nessuna struttura o installazione che potesse far pensare alla detenzione di un prigioniero. Viceversa, in via Montalcini, sono stati fatti innumerevoli riscontri che attestano, in modo indubitabile, che Moro è stato tenuto prigioniero in quell'appartamento".

Nessuna prova neppure della presenza di servizi segreti sul luogo della strage di via Fani, così come nelle vicinanze di via Montalcini. "Mi sembra improbabile quello che scrive il giudice Imposimato nel suo libro. E cioè che i servizi segreti avevano un appartamento proprio sopra la prigione di Moro. In quel momento i servizi si stavano riorganizzando e non avevano neppure una loro sede centrale.
Molti dubbi sollevati hanno già avuto risposta nelle perizie e nelle indagini. Basta andare a leggere i documenti". E anche sul memoriale del presidente della Dc scomparso e poi riapparso, Satta è lapidario: "Il memoriale non è mai scomparso. È sempre stato nella disponibilità delle Brigate rosse. Portato a Milano perché Nadia Mantovani lo studiasse a fondo e perché fosse dattiloscritto, è stato sequestrato in due momenti: nel 1978, con l'arresto della stessa Mantovani, e nel 1990 quando sono stati fatti i lavori di ristrutturazione dell'appartamento (fino a quel momento sotto sequestro, n.d.r.). Tutte le perizie convergono nel dire che i fogli ritrovati nel 1990 erano dietro l'intercapedine poi smontata, dal 1978. Mi sembra del tutto coerente che le Br tirassero fuori solo parte dei fogli da studiare tenendo nascosto il resto".
Forse, conclude lo storico, "ci potrebbe essere da individuare ancora qualcuno presente in via Fani al momento della strage. Sono propenso a credere che il numero dei brigatisti presenti in via Fani fosse superiore a quello emerso. Questo, però, pur avendo una rilevanza giudiziaria gravissima, non credo cambi nulla della prospettiva storica".

Di Annachiara Valle 

Clicca qui per acquistare il volume con il 15% di sconto