Flavio Felice

Welfare e persona

Cartaceo
5,00

Il progetto della società civile richiede in primo luogo l’esercizio di alcune virtù civiche che potremmo sintetizzare con l’espressione autogoverno: l’insieme delle virtù che segnano la distanza tra il suddito, ripiegato su se stesso

Il progetto della società civile richiede in primo luogo l’esercizio di alcune virtù civiche che potremmo sintetizzare con l’espressione autogoverno: l’insieme delle virtù che segnano la distanza tra il suddito, ripiegato su se stesso e in balia del potere coercitivo, e il sovrano, responsabile per le azioni che compie e per questa ragione libero di contribuire alla realizzazione della propria personalità. L’esercizio di tali virtù richiede il sacrificio costante e la vigilanza perenne, dal momento che il progetto della società civile non è l’esito intenzionale di qualche astuto scienziato sociale; non si tratta di un’opera d’ingegneria sociale, raggiunta in modo definitivo, una volta per tutte, bensì è la lenta evoluzione di attitudini che hanno assunto la forma storica che noi conosciamo dopo un’incessante – e mai definitivamente compiuta – opera di approssimazione a ciò che uomini imperfetti, ma desiderosi di migliorare la propria condizione, hanno creduto e credono che sia la verità.