Lorella Parente

Il nascondiglio di Cristo

La concezione del Povero come sacramento nell'opera di Giacomo Cusmano

a cura di

15,20 16,00

L’autrice presenta la concezione teologica del “povero” avanzata nell’Ottocento dal beato siciliano Giacomo Cusmano (1834- 1888), la cui opera complessiva, sul piano teorico e dell’azione pastorale, fu in grado di rendere già concrete ed

L’autrice presenta la concezione teologica del “povero” avanzata nell’Ottocento dal beato siciliano Giacomo Cusmano (1834- 1888), la cui opera complessiva, sul piano teorico e dell’azione pastorale, fu in grado di rendere già concrete ed

L’autrice presenta la concezione teologica del “povero” avanzata nell’Ottocento dal beato siciliano Giacomo Cusmano (1834- 1888), la cui opera complessiva, sul piano teorico e dell’azione pastorale, fu in grado di rendere già concrete ed esemplari alcune fondamentali istanze che sarebbero poi esplose nella stagione post-conciliare. Andando a svelare man mano i punti nodali della riflessione cusmaniana sulla carità di Dio (con le dovute premesse bibliche e patristiche) sarà possibile comprendere a fondo la sua peculiare dottrina sul valore supremo della carità verso i bisognosi, la cui dignità personale viene elevata al massimo livello, in virtù dell’esperienza di «Colui che amò di essere il povero per eccellenza».

X

Rassegna

Condividi

Ti potrebbe interessare…