Francesco Del Pizzo

Salvatore Talamo e la rinascita moderna della Dottrina Sociale della Chiesa

Prefazione di Pasquale Giustiniani. Postfazione di Ernesto Preziosi

Cartaceo
17,10 18,00

L’autore approfondisce l’apporto di Salvatore Talamo (1844-1932) alla messa a punto speculativa della Dottrina Sociale della Chiesa. L’opera intellettuale, filosofica e storico-sociale di Talamo, chiamato a Roma da Leone XIII, contribuisce a delineare il

L’autore approfondisce l’apporto di Salvatore Talamo (1844-1932) alla messa a punto speculativa della Dottrina Sociale della Chiesa. L’opera intellettuale, filosofica e storico-sociale di Talamo, chiamato a Roma da Leone XIII, contribuisce a delineare il pensiero e la filosofia sociale cristiana così come si andava configurando nel secondo Ottocento con il sostegno del Magistero ecclesiastico. Talamo fonda e co-dirige, con il più studiato Giuseppe Toniolo, la “Rivista Internazionale di Scienze Sociali e Discipline Ausiliarie” , il cui “programma” può essere considerato il manifesto di quelle che sarebbero state le frontiere delle moderne scienze sociali e, in particolare, di una certa “sociologia cristiana”.

Rassegna

Condividi

Ti potrebbe interessare…