Giuseppe Campione

Narrazioni di geografia politica

Pratiche comunicative e produzione di senso

Vincenzo Guarrasi

Cartaceo
14,25 15,00

L’autore sottopone il mondo al rischio dei suoi giochi linguistici. Lo saggia, lo mette costantemente alla prova. Non si lascia logorare dalla estenuata diatriba tra i fatti e le interpretazioni. Non concede nulla ,

L’autore sottopone il mondo al rischio dei suoi giochi linguistici. Lo saggia, lo mette costantemente alla prova. Non si lascia logorare dalla estenuata diatriba tra i fatti e le interpretazioni. Non concede nulla , se non la consapevolezza , alla contingenza dell’io e del linguaggio. Dispone i fatti e le interpretazioni su un letto di spine, che non è fatto di modelli e teorie, ma di eventi e di storie. Anima territori e paesaggi di attori e umani contatti… Ma l’ironia dell’approccio non rimuove, né occulta del tutto, la nota dolente di fondo, l’affanno silente di chi a ogni istante rinnova il suo sodalizio col mondo…. La lunga storia di questo nostro sapere propone due famiglie di geografi: la genealogia dello sguardo e del paesaggio, della visione e della mappa, e un’altra che altro non è che geografia della parola, della narrazione. A quest’ultima… appartiene Giuseppe Campione.
«A proposito, la pianticella di limone continua a crescere?» scriveva Antonio Gramsci in una lettera dall’esilio, dopo aver alluso in forma discreta ai propri stati d’animo e alla sofferenza, e questa domanda, posta da Campione in epigrafe a questo volume interroga tutto intero il sapere geografico e riecheggia la domanda che pochi geografi hanno saputo porsi e che invece Claude Raffestin sottopose al pubblico italiano, proprio nel primo numero della rivista «Geo­te­ma», curata da Franco Farinelli: E se la geografia non fosse che la storia di un esilio? Vincenzo Guarrasi)

collana: Varia, bic: RGCP, 2007, pp 246
,
isbn: 9788849819670