La fatalità della guerra e la volontà di vincerla

Classe dirigente liberale, istituzioni e opinione pubblica

a cura di Rossella Pace

Cartaceo
19,00 20,00

La Grande Guerra fu una questione di vita o di morte per la classe politica liberale. Sia al momento dell’ingresso dell’Italia nel conflitto, sia dopo Caporetto il ‘mondo liberale’ si divise, ma la spaccatura

La Grande Guerra fu una questione di vita o di morte per la classe politica liberale. Sia al momento dell’ingresso dell’Italia nel conflitto, sia dopo Caporetto il ‘mondo liberale’ si divise, ma la spaccatura tra giolittismo e antigiolittismo non è sovrapponibile a quella tra neutralismo e interventismo: quest’ultimo rappresentò un nuovo cleavage che passò non solo all’interno della classe politica, ma nell’intera società italiana. La guerra, inoltre, portò per la prima volta a una nazionalizzazione delle masse, contribuì a innescare un processo di ‘emancipazione’ delle donne, un grande take over industriale e un significativo progresso tecnologico e realizzò quell’unità territoriale che era un’aspirazione dei padri fondatori del Risorgimento. Furono risultati che ebbero tuttavia un prezzo molto alto. Le fratture dell’unità nazionale, che già durante la guerra si erano manifestate, deflagrarono subito dopo, prendendo forma sociale, politica ed istituzionale. E mutati erano anche i rapporti di forza internazionali. Solo alcuni settori minoritari della classe dirigente liberale avevano presagito questi esiti, ma una consapevolezza dei problemi da affrontare non era maturata. Cosicché, attraverso un complesso processo storico, già avviato dalle vicende della guerra, che sono oggetto delle pagine di questo libro, invece del passaggio dallo Stato liberale alla democrazia liberale, si ebbe l’avvento del fascismo.

Ti potrebbe interessare…