Giustina Manica

I terremoti del 1905 e del 1908 in Calabria e l’inchiesta del “Cesare Alfieri”

con la ristampa anastatica dell’inchiesta La questione agraria e l’emigrazione in Calabria di Dino Taruffi, Leonello de Nobili e Cesare Lori

Cartaceo
40,00

I due devastanti terremoti che colpirono la Calabria, il primo nel 1905 e il secondo nel 1908, posero ingenti problemi d’interventi di emergenza e di ricostruzione al governo italiano. I due terremoti devastarono il

I due devastanti terremoti che colpirono la Calabria, il primo nel 1905 e il secondo nel 1908, posero ingenti problemi d’interventi di emergenza e di ricostruzione al governo italiano. I due terremoti devastarono il territorio in una fase nella quale la politica meridionalistica si avvaleva dello strumento della legislazione speciale, con competenza territoriale, per affrontare i temi cronici dell’arretratezza meridionale. Tuttavia, il paese si trovò senza strumenti adeguati ad affrontare una emergenza nazionale che aveva una formidabile portata civile. In questa ottica viene letta e ricostruita la politica governativa che ispira la legge per la Calabria del 1906 e l’Inchiesta che l’Istituto di Scienze sociali “Cesare Alfieri” promosse nel 1907 per accertare lo stato di degrado della Calabria dopo il terremoto.

Di seguito, la terribile scossa che investì la Calabria meridionale e la parte nord orientale della Sicilia nel 1908, devastando Reggio Calabria e Messina con conseguenze in termini di annientamento di vite umane e di devastazione economica e sociale senza precedenti, impose al governo italiano di dotarsi di strumenti adeguati di intervento quale il Comitato centrale di soccorso per i danneggiamenti del terremoto della Calabria e della Sicilia. Anche l’Inchiesta coordinata dall’onorevole Faina sui contadini meridionali, in particolare quella guidata da Nitti sulla Calabria, fu ispirata e condizionata da queste tragedie collettive. Nel 1910 la nascita dell’Animi fu anch’essa riflesso di questi eventi.

Indice

Capitolo I

Il terremoto del 1905
1. 8 settembre 1905: la Calabria flagellata
2. La Commissione d’inchiesta per il terremoto delle Calabrie
3. La questione dei sussidi
4. Applicazione delle disposizioni tributarie
5. Le responsabilità della mala gestione del post terremoto
6. Ai prodromi della legislazione speciale per lo sviluppo del Mezzogiorno
7. Le leggi speciali e il dibattito parlamentare sulla legge del 5 giugno 1906
8. Le opere pubbliche in Calabria

Capitolo II

Le inchieste sulla Calabria 1906-1911
1. Il Maic e l’inchiesta per lo studio delle condizioni dei lavoratori della terra nel Mezzogiorno. Calabria e Basilicata
2. La nascita dell’inchiesta Faina sui contadini meridionali
2.1 La relazione Nitti sulla Calabria
3. Il “Cesare Alfieri” e le origini dell’inchiesta sulla questione agraria e l’emigrazione in Calabria
3.1 Descrizione geografica e geologica
3.2 La questione agraria
3.3 I contratti agrari
3.4 Banche, credito e industrie
3.5 L’emigrazione
3.6 Conclusioni

Capitolo III

Il terremoto del 1908
1. 28 dicembre 1908: terremoto e maremoto nello stretto di Messina
2. La nascita del comitato centrale di soccorso per i danneggiamenti del terremoto della Calabria e della Sicilia
3. L’opera del comitato
4. Soccorsi urgenti: profughi, superstiti, orfani, vedove, studenti e invalidi
5. Baraccamenti
6. La commissione per la designazione delle zone più adatte alla ricostruzione degli abitati colpiti dal terremoto del 1908
7. Il dibattito parlamentare sulle leggi per il terremoto di Messina e Reggio Calabria
8. La nascita dell’Animi

Appendice

Questionario diretto ai signori sindaci della Calabria per le notizie sommarie sulle condizioni del loro comune

Ringraziamenti

Indice dei nomi

Ristampa anastatica del volume

La questione agraria e l’emigrazione in Calabria

Condividi