Ero forestiero e mi avete ospitato

Umanesimo e migrazioni nel Mediterraneo

a cura di Massimo Naro

Cartaceo
11,40 12,00

Attraversare il Mediterraneo per cercare la salvezza: questo è un fatto, un dato, un macrofenomeno che merita ermeneutiche all’altezza dell’umanità che vi è implicata. In quelle navigazioni, in quelle speranze, in quegli approdi dif

Attraversare il Mediterraneo per cercare la salvezza: questo è un fatto, un dato, un macrofenomeno che merita ermeneutiche all’altezza dell’umanità che vi è implicata. In quelle navigazioni, in quelle speranze, in quegli approdi dif cili, sofferti e spesso tragici, vengono messe in questione le identità sia di chi sta da un lato delle coste mediterranee, e fugge, sia di chi sta dall’altro, e diventa meta e ne della migrazione. Vi sono, ovviamente, problemi di ordine pubblico, di ordine sanitario, di ordine logistico, ma tutto questo, di per sé importante, rischia di occupare ideologicamente tutto il campo del nostro sguardo e di renderci ciechi. Leggere il “dato” addirittura come “invasione” invece che come “trasmigrazione” è già, per principio, applicare un’ermeneutica di comodo, anaffettiva, cinica, disumana. In queste pagine si tenta di motivare una lettura diversa, capace di interpretare le migrazioni attraverso il Mediterraneo come frontiera di una nuova convivenza umana.

Rassegna

Eventi

Condividi

Ti potrebbe interessare…