Stefano Bonino

Sicurezza e intelligence nel Regno Unito del Novecento

Prefazione di Mario Caligiuri

Cartaceo
13,30 14,00

Quali sono state le minacce alla sicurezza interna britannica nel Novecento? Quali attori hanno cercato di destabilizzare l’ordine sociale e politico del Regno Unito? Quali sono state le risposte dell’apparato di sicurezza? Queste sono

Quali sono state le minacce alla sicurezza interna britannica nel Novecento? Quali attori hanno cercato di destabilizzare l’ordine sociale e politico del Regno Unito? Quali sono state le risposte dell’apparato di sicurezza? Queste sono le domande cui si propone di rispondere il presente volume attraverso una ricerca storica, politologica e criminologica.

Mediante l’utilizzo di un’imponente letteratura accademica, di documenti desecretati dalla polizia e dal Ministero dell’Interno e di articoli di quotidiani si analizza l’operato dei servizi segreti interni e della polizia segreta nel monitorare, depotenziare e neutralizzare sia movimenti di estrema sinistra e/o radicali che presentavano un rischio di violenza politica, eversione e disordine pubblico, sia individui che si macchiavano di spionaggio e di tradimento. Sullo sfondo emerge come le attività sotto copertura e di intelligence siano fondamentali nel mantenere lo status quo e nel difendere lo Stato dai suoi nemici.