Lavoro indecente

I braccianti stranieri nella piana lametina

a cura di Francesco Carchedi, Marina Galati, Isabella Saraceni

Prefazione di Giovanni Mottura

Cartaceo
13,30 14,00

L’indagine che presentiamo è il risultato a cui è pervenuta l’Associazione Comunità Progetto Sud svolgendo una ricognizione di dati e materiali attinenti alle condizioni dei braccianti stranieri nell’area lametina. Il volume pertanto si inserisce

L’indagine che presentiamo è il risultato a cui è pervenuta l’Associazione Comunità Progetto Sud svolgendo una ricognizione di dati e materiali attinenti alle condizioni dei braccianti stranieri nell’area lametina. Il volume pertanto si inserisce in quel filone di studi che pongono l’attenzione a quelle forme occupazionali che si configurano come indecenti e sovente anche in maniera para-schiavistica. Ovvero tutte quelle forme occupazionali che si caratterizzano – come recitano le norme correnti – con un lungo orario, con un salario basso e con la mancanza di protezione contro gli infortuni. Questi aspetti seppur in maniera dissimile da quelli riscontrati in altre aree agricolo-rurali della Calabria, ad esempio nella Piana di Sibari o in quella di Gioia Tauro, sono ben presenti all’interno di contingenti bracciantili immigrati. L’indagine, da questa prospettiva, ha scandagliato la dimensione specifica del mercato del lavoro regionale, i segmenti del medesimo dove maggiore è la presenza straniera e all’interno di questi dove maggiori sono le modalità occupazionali più dure e pericolose, facendo emergere una realtà che tutti percepiscono ma che nessuno riconosce come modalità di sfruttamento grave e dunque sanzionabile giuridicamente. Le attività lavorative ai limiti della legalità non appaiono episodiche o semplicemente marginali, ma del tutto incardinate nelle pratiche usuali del mercato del lavoro locale. Sono dunque pratiche che non appartengono al passato remoto, ma purtroppo sono di presente attualità.

Ti potrebbe interessare…