James V. DeLong, Richard A. Epstein, Henri Lepage, Tom Palmer

La proprietà (intellettuale) è un furto?

Riflessioni su un diritto per il futuro

Prefazione di Cesare Galli

Cartaceo
7,60 8,00

All’interno del dibattito politico e culturale i diritti di proprietà intellettuale sono costantemente messi in discussione da quanti li considerano uno strumento di sfruttamento capitalistico escogitato dalle imprese multinazionali per conquistare e mantenere il

All’interno del dibattito politico e culturale i diritti di proprietà intellettuale sono costantemente messi in discussione da quanti li considerano uno strumento di sfruttamento capitalistico escogitato dalle imprese multinazionali per conquistare e mantenere il loro potere di mercato.
Il presente volume a più voci si propone, invece, di offrire un confronto tra le tesi liberali di quanti vedono nella proprietà intellettuale un diritto degno di difesa e una condizione fondamentale per avere una società di mercato, e quanti , sempre all’interno della tradizione liberale , giudicano invece che la protezione di brevetti e copyright non possa essere in alcun modo assimilata alla difesa della proprietà privata.
Si tratta, quindi, di un confronto intellettuale di alto livello che è importante conoscere proprio per contrastare con efficacia le tesi di quanti vogliono minare l’ordine sociale basato sulla proprietà privata e sul contratto.

Ti potrebbe interessare…