La critica dopo la crisi

Atti del Convegno di Arcavacata (11-13 novembre 1999)

a cura di Margherita Ganeri e Nicola Merola

Cartaceo
36,10 38,00

Benché la critica continui ad essere un genere letterario inflazionato, e su di essa non manchino riflessioni talora ponderose, bilanci, ricostruzioni storiografiche, non se ne parla più fuori dei canali specialistici e anche qui

Benché la critica continui ad essere un genere letterario inflazionato, e su di essa non manchino riflessioni talora ponderose, bilanci, ricostruzioni storiografiche, non se ne parla più fuori dei canali specialistici e anche qui quasi con la cattiva coscienza e la dolorosa necessità di ignorare il silenzio di chi ne sta fuori. La solitudine della critica non è l’altra faccia della crisi. La critica non è uscita dalla crisi, ma, dopo che la parola d’ordine è stata la crisi, la critica è rimasta sola con se stessa più di prima, come un’istanza disattesa, una pratica pressoché autistica e in ogni caso una ”routine”: dopo la crisi, fuori della crisi che l’aveva messa di nuovo all’ordine del giorno.

Rassegna

Eventi

Condividi

Ti potrebbe interessare…