Philippe Nemo

La bella morte dell’ateismo moderno

Cartaceo
11,40 12,00

Per circa due secoli, un intero filone di ricerche intellettuali, sia sincere sia propagandistiche, ha cercato di convincerci degli errori, delle colpe e infine dell’insignificanza del cristianesimo. Oggi queste ricerche hanno esaurito la loro

Per circa due secoli, un intero filone di ricerche intellettuali, sia sincere sia propagandistiche, ha cercato di convincerci degli errori, delle colpe e infine dell’insignificanza del cristianesimo. Oggi queste ricerche hanno esaurito la loro spinta iniziale: l’ateismo è morto di morte naturale. È morto perché non è riuscito, nonostante l’abbondante tempo a disposizione, a portare a compimento il programma di ricerca che si era assegnato. L’ateismo è morto, insomma, perché non ha saputo proporre una visione filosofica alternativa di un qualche valore e che offra un senso all’esistenza umana. È probabile che, nella sua caduta, l’ateismo trascinerà con sé anche il nichilismo, altro triste prodotto della cultura europea degli ultimi secoli. Nel silenzio dell’ateismo contemporaneo, la voce del cristianesimo torna a farsi sentire e diventa di nuovo la grande impresa intellettuale della nostra epoca.

Ti potrebbe interessare…