Giovanni Sapia

Il romanzo del casale

Prefazione di Marco Beck

Cartaceo
14,25 15,00

Un secolo circa di storia, dall’avvento del fascismo ai giorni nostri, rivive nelle vicende e nei volti di una borgata rurale della Calabria, formatasi nel tempo intorno a un antico palazzotto nobiliare. La pena

Un secolo circa di storia, dall’avvento del fascismo ai giorni nostri, rivive nelle vicende e nei volti di una borgata rurale della Calabria, formatasi nel tempo intorno a un antico palazzotto nobiliare. La pena del vivere quotidiano, il trapasso dalla civiltà contadina a nuove forme di vita e di cultura, il travaglio della nobiltà terriera, l’emergere di nuove forze sociali e di nuovi soggetti della ricchezza e del potere ne sono l’ordito, che regge il tessuto di problemi vecchi e nuovi, guardati di volta in volta con un velo di amarezza, di malinconia, di indignazione, ma con un sentimento continuato della pietas, che governa allo stesso modo la lacrima e il sorriso. Quello che colpisce è soprattutto il fatto che lo sguardo del narratore non cala dall’alto ma è, come poche altre volte, assolutamente interno al mondo rappresentato. Un filo unitario percorre, pur nella loro singolarità, questi venti racconti, che possono essere considerati capitoli di un romanzo che eleva il casale a personaggio collettivo e corale. Il romanzo del casale, con la sua straordinaria qualità di scrittura, è un libro che ha già il fascino e l’inconfondibile “aura” di un classico, anche se nasce da una sensibilità inquieta che sa comprendere e rappresentare i temi della modernità.

Rassegna

Condividi

Ti potrebbe interessare…