Dario Antiseri

Il liberalismo cattolico italiano

dal Risorgimento ai giorni nostri

Cartaceo
8,00

Il messaggio cristiano libera l’uomo dall’idolatria: il cristiano non può attribuire assolutezza e perfezione a nessuna umana istituzione, a nessun evento storico. è, dunque, per decreto religioso che lo Stato non è tutto, non

Il messaggio cristiano libera l’uomo dall’idolatria: il cristiano non può attribuire assolutezza e perfezione a nessuna umana istituzione, a nessun evento storico. è, dunque, per decreto religioso che lo Stato non è tutto, non è l’Assoluto. Per il cristiano solo Dio è il Signore: Káysar non è Kýrios. E sia con la dissacrazione e relativizzazione del potere politico sia con il valore dato alla libera e responsabile coscienza di ogni persona, il cristianesimo ha creato, a livello politico, una pressione a volte travolgente sull’elemento mondano antitetico. Ed esattamente su di un breve tratto di questa storia , del periodo che dagli anni del nostro Risorgimento giunge ai nostri giorni , il presente libro intende richiamare l’attenzione, delineando le idee di fondo di figure quali: Taparelli d’Azeglio, Gioacchino Ventura, Raffaello Lambruschini, Vincenzo Gioberti, Antonio Rosmini, Alessandro Manzoni, Luigi Sturzo, Luigi Einaudi, Angelo Tosato. Pensatori italiani, spesso ignorati anche dal mondo cattolico, i quali costituiscono anelli preziosi della più ampia e grande tradizione del cattolicesimo liberale.

Rassegna

Condividi

collana: Focus , 2010 ,pp 146
, , ,
isbn: 9788849826784

Ti potrebbe interessare…