Carlo Pisacane

Lettere al fratello borbonico 1847 - 1855

a cura di Carmine Pinto e Ernesto Maria Pisacane, Silvia Sonetti

Cartaceo
11,40 12,00

Carlo Pisacane fu l’eroe romantico per eccellenza. Dopo una lunga serie di avventure tra l’Europa e l’Africa diventò un militante di primo piano della rivoluzione risorgimentale e poi per convinta scelta un martire del

Carlo Pisacane fu l’eroe romantico per eccellenza. Dopo una lunga serie di avventure tra l’Europa e l’Africa diventò un militante di primo piano della rivoluzione risorgimentale e poi per convinta scelta un martire del nazionalismo italiano. Filippo Pisacane fu un fedele sostenitore della dinastia borbonica, ma anche un leale amico della famiglia del re, disponibile a condividere con i reduci della vecchia patria napoletana, la resistenza all’Unificazione scegliendo prima il nostalgico esilio a Roma e poi il ritiro in Francia. I Pisacane, dunque, incarnarono scelte di campo opposte nella battaglia politica meridionale e italiana, senza rinunciare, però, a una profonda solidarietà familiare. I documenti presentati nel volume consentono di esplorare questo singolare sdoppiamento che nasce, cresce e si evolve in un frammento del lungo conflitto civile meridionale.
La relazione tra i due propone allora una nuova prospettiva interpretativa che, sviluppando i caratteri privati delle biografie, è capace di spiegare in che modo le due ideologie in competizione nel Mezzogiorno preunitario potessero convivere, o di converso creare antagonismi e attivare opposte ambizioni, anche nel campo protetto degli affetti.

Rassegna

Condividi

collana: Varia, bic: BJ, 2016, pp 184
,
isbn: 9788849843200