Alfredo Mantovano

Prima del kamikaze

Giudici e legge di fronte al terrorismo islamico

Prefazione di Giuseppe Pisanu

Cartaceo
11,40 12,00

Recenti provvedimenti giudiziari in tema di terrorismo islamico hanno sollevato polemiche e controversie, poiché contengono artificiose distinzioni fra terroristi e guerriglieri, non considerano in modo adeguato l’identità e le caratteristiche delle organizzazioni che praticano

Recenti provvedimenti giudiziari in tema di terrorismo islamico hanno sollevato polemiche e controversie, poiché contengono artificiose distinzioni fra terroristi e guerriglieri, non considerano in modo adeguato l’identità e le caratteristiche delle organizzazioni che praticano il jihad, forniscono letture ambigue di programmi criminali. Tutto ciò pone interrogativi: senza generalizzare e tenendo conto di quanto di positivo è stato fatto fino a oggi, i giudici italiani che si occupano della materia sono nel loro insieme culturalmente attrezzati ad affrontare questo tipo di terrorismo? In che modo le scelte del governo e del parlamento possono favorire decisioni meno contraddittorie e più efficaci? è lecito aprire un dibattito sereno e documentato sull’argomento, senza essere accusati di ledere l’autonomia della magistratura? Si può puntare a un equilibrio, sul terreno del contrasto, fra l’esigenza di“arrivare prima” e la necessità di non punire la mera intenzione? Le pagine di questo volume partono dall’esame di alcune delle più significative sentenze e ordinanze degli ultimi mesi e individuano piste di approfondimento e ipotesi di lavoro ad ampio spettro, senza escludere modifiche legislative. Il tutto avendo presente la posta in gioco: la difesa delle nostre vite e della nostra civiltà.

collana: Problemi aperti, bic: JFSR2, 2006, pp X+146

isbn: 9788849814125