Stefano D’Andrea

L’Italia nell’Unione Europea

Tra europeismo retorico e dispotismo “illuminato”

Cartaceo
23,75 25,00

L’integrazione europea è una rivoluzione: nei metodi, perché espropria i Parlamenti e attribuisce potere decisionale a “tecnici”, e nei risultati, perché comporta la disapplicazione del principio del “diritto al lavoro”, appartenente al nucleo

L’integrazione europea è una rivoluzione: nei metodi, perché espropria i Parlamenti e attribuisce potere decisionale a “tecnici”, e nei risultati, perché comporta la disapplicazione del principio del “diritto al lavoro”, appartenente al nucleo duro della Costituzione. Nell’Unione Europea l’Italia è obbligata a promuovere e mantenere un’alta disoccupazione e non a promuovere e mantenere la piena occupazione. Con “dispotismo illuminato” è stata imposta la prevalenza del diritto dell’Unione su quello nazionale, promossa la rendita finanziaria, modificato il regime dell’euro previsto a Maastricht, e imposta per 27 anni un’altissima disoccupazione. Il consenso di massa è stato dovuto a una forma di fanatismo, l’“europeismo retorico”: si è stati favorevoli all’integrazione, a prescindere dalla riflessione sugli interessi – di ceti, classi sociali, territori (il Mezzogiorno) e Stati – che venivano sacrificati. I risultati economici della rivoluzione europea per l’Italia sono catastrofici.

collana: Varia, bic: JP, 2022, pp 276, Italiano
, ,
isbn: 9788849872286