Genuzio Bentini

Le macchie sulla toga

Psicologia dell'avvocato

a cura di Alberto Scerbo

Cartaceo
12,35 13,00

Nel corso del ventennio fascista l’abituale immagine dell’avvocatura priva di ogni nobiltà d’arte si riveste di una connotazione politica, sicché diventa prioritario ridimensionarne il valore e comprimerne il significato all’interno delle complesse dinamiche giuridiche.

Nel corso del ventennio fascista l’abituale immagine dell’avvocatura priva di ogni nobiltà d’arte si riveste di una connotazione politica, sicché diventa prioritario ridimensionarne il valore e comprimerne il significato all’interno delle complesse dinamiche giuridiche. Lo scopo è perseguito attraverso una sostanziale attività di controllo, che culmina nell’imposizione di regole procedurali e di schemi fissi comportamentali. L’avvocatura risponde a questi attacchi mediante l’avvio di un processo di autoregolamentazione, indirizzato alla formulazione di un complesso di principi deontologici. La configurazione di regole e modelli comportamentali è attuata con il contributo della riedizione dei più importanti galatei ottocenteschi e la pubblicazione delle difese degli avvocati più rinomati, ma anche con la realizzazione di diversi manuali di argomento deontologico. Uno dei più noti e diffusi è il testo che qui si riproduce, Le macchie sulla toga. Psicologia dell’avvocato, di Genuzio Bentini, che ha il merito di definire i caratteri peculiari, tecnici e spirituali, necessari per l’individuazione di un modello di avvocato penalista. Scava nella profondità dei pensieri e dei sentimenti dell’avvocato e offre un’interpretazione del modo di intendere la professione forense e di affrontare le fasi più emblematiche del suo materiale dispiegarsi.