Alberto Scerbo

Giustizia Sovranità Virtù

Cartaceo
10,45 11,00

Gli studi recenti di filosofia politica e giuridica si sono prodigati a perfezionare progetti di vita, costruendo un quadro nel quale la virtù si è andata componendo in termini di conteggio e proporzione, sì

Gli studi recenti di filosofia politica e giuridica si sono prodigati a perfezionare progetti di vita, costruendo un quadro nel quale la virtù si è andata componendo in termini di conteggio e proporzione, sì che il misurare“metafisico” è stato fatto coincidere con il misurare“matematico”.
In questo libro si è tentato di recuperare una dimensione radicalmente problematica della virtù, allo scopo di comprendere come le ragioni dell’economia e la capacità di mediazione del diritto possono combinarsi in unità dialettica con la politica intesa come intelligenza della giusta misura.
L’analisi è stata sviluppata prendendo avvio dalle problematiche connesse alla crisi e/o alla trasformazione del principio di sovranità, per scoprire il ruolo esercitato dall’economia nei mutamenti più attuali intervenuti in campo politico e sociale. Da qui la necessità di ricomporre in unità le categorie dell’economico, del giuridico e del politico riportandole alla sfera dell’eticità, per evidenziare la capacità di rapportare ogni attività umana al mondo dell’essere: condizione indispensabile per realizzare in ogni campo la giustizia,“virtù perfetta”, perché in essa è compresa ogni virtù.

collana: Scaffale Universitario, 2004, pp 202
,
isbn: 9788849809442