Pino Pisicchio

La politica come mestiere

Non-manuale per carriere, militanze e cittadinanza

Una volta c’erano i partiti, ormai persi nella notte della memoria collettiva, che risultavano rassicuranti per la loro continuità. Oggi chiamiamo partiti dei “brand” effimeri, concepiti con gli stessi criteri di un prodotto

Una volta c’erano i partiti, ormai persi nella notte della memoria collettiva, che risultavano rassicuranti per la loro continuità. Oggi chiamiamo partiti dei “brand” effimeri, concepiti con gli stessi criteri di un prodotto commerciale destinato a durare una stagione o poco più. La loro scomparsa – per l’estinzione di ciò che li faceva vivere, come la democrazia interna, la militanza, l’insediamento territoriale – ha trascinato in un buco nero la politica. Si   parlato e scritto spesso di incompetenza e di de-merito al potere. La verità   che ogni attività umana, ancorché concepita in modo non professionale, ha le sue regole ed esige competenza: insomma, va svolta con professionalità. Una volta ci pensavano i partiti a formare la classe politica, perché non si arrivava al vertice dello Stato ignari dei rudimenti della cultura politica. Oggi si arriva in politica nudi e digiuni. Questo libro cerca di mettere una piccola pezza al vuoto di conoscenza della politica così com’è.

La politica come mestiere – Cartaceo, Italiano
15,20 16,00
La politica come mestiere – Ebook, Italiano
8,54 8,99
Pulisci

Rassegna

Condividi

collana: Varia, bic: JP, 2022, pp 204, Italiano
,
isbn: 9788849870602