Mario Caligiuri

Introduzione alla società della disinformazione

Per una pedagogia della comunicazione

Cartaceo
15,20 16,00

La tendenza dominante del nostro tempo potrebbe essere identificata con la disinformazione, che rappresenta l’emergenza educativa e democratica più drammatica dell’inizio del XXI secolo. L’eccesso di informazioni ha sostituito la censura ma gli effetti

La tendenza dominante del nostro tempo potrebbe essere identificata con la disinformazione, che rappresenta l’emergenza educativa e democratica più drammatica dell’inizio del XXI secolo. L’eccesso di informazioni ha sostituito la censura ma gli effetti sono gli stessi, con persone che non comprendono la realtà, diventando manovrabili consumatori e inconsapevoli elettori. Di fronte ai problemi dell’Occidente, dal fenomeno dell’immigrazione ai rischi ambientali, dall’invadenza della criminalità alla crisi della democrazia, dai pericoli del cyberspazio all’avvento dei robot, la risposta è sempre uguale: c’è bisogno di maggiore istruzione. Ma questa invocazione raramente si traduce in iniziative di profondo respiro. Partendo dall’insufficienza dei sistemi educativi, questo libro prospetta una profonda ricostruzione delle scienze dell’educazione basata sulla pedagogia della comunicazione per individuare le informazioni rilevanti che aiutino a comprendere quanto davvero accade. Come cinquant’anni fa, occorre una rivolta dei giovani per pretendere scuole e università meno facili per resistere alle sfide della società della disinformazione.

Ti potrebbe interessare…