Sanità a 21 velocità

Come garantire ai cittadini italiani il diritto alla salute in un sistema federalista

a cura di Lorenzo Cuocolo Stefano da Empoli Davide Integlia

17,10 18,00

A distanza di più di un decennio dall’introduzione del federalismo in Italia emerge dal libro un quadro con luci ed ombre sugli impatti che ha avuto nel suo principale campo di applicazione, la Sanità.

A distanza di più di un decennio dall’introduzione del federalismo in Italia emerge dal libro un quadro con luci ed ombre sugli impatti che ha avuto nel suo principale campo di applicazione, la Sanità.

A distanza di più di un decennio dall’introduzione del federalismo in Italia emerge dal libro un quadro con luci ed ombre sugli impatti che ha avuto nel suo principale campo di applicazione, la Sanità. In un quadro italiano e internazionale in forte mutamento demografico, epidemiologico ed economico, il trend prevalente nel settore sanitario sembra essere quello di relegare la definizione delle scelte strategiche – anche delle autonomie locali – a valutazioni di contenimento dei costi. Al tempo stesso l’autonomia regionale – senza una forte cabina di regia nazionale – porta a una forte divario territoriale della spesa sanitaria e delle possibilità di cura dei cittadini. In questa cornice, il governo del sistema sanitario necessita di una profonda revisione per poter rispondere adeguatamente alle mutevoli esigenze della popolazione-paziente.

X

Condividi

collana: Varia , 2013 ,pp 190
,
isbn: 9788849839753

Ti potrebbe interessare…