Marco Zaganella

Programmazione senza sviluppo

Giuseppe Di Nardi e la politica economica italiana nella prima Repubblica

Cartaceo
15,20 16,00

Giuseppe Di Nardi è uno dei protagonisti «dimenticati» dell’intervento pubblico in Italia. La molteplicità di incarichi che egli rivestì nelle istituzioni italiane ed europee consente di rileggere in maniera organica un complesso di interventi

Giuseppe Di Nardi è uno dei protagonisti «dimenticati» dell’intervento pubblico in Italia. La molteplicità di incarichi che egli rivestì nelle istituzioni italiane ed europee consente di rileggere in maniera organica un complesso di interventi concepiti per promuovere lo sviluppo e la modernizzazione del Paese. Ma Il suo ruolo all’interno delle istituzioni, in particolare il contributo dato per oltre trent’anni alla Cassa per il Mezzogiorno, evidenzia anche il progressivo declino del rapporto tra la classe politica e i «tecnici» nell’arco della prima Repubblica, che si deteriora soprattutto a seguito della nascita nel 1963 del centrosinistra organico guidato da Aldo Moro, determinando il fallimento della programmazione economica e la deformazione del sistema economico italiano.

Rassegna

Condividi

Ti potrebbe interessare…