Leonida Répaci

Una lunga vita nel secolo breve

a cura di Santino Salerno

Cartaceo
22,80 24,00

[…] Questo libro, che non è un saggio critico, con le immagini, i documenti e le testimonianze che riproduce, ha una sola ambizione: quella di offrire un’occasione, uno stimolo, per una rivalutazione del“personaggio” e

[…] Questo libro, che non è un saggio critico, con le immagini, i documenti e le testimonianze che riproduce, ha una sola ambizione: quella di offrire un’occasione, uno stimolo, per una rivalutazione del“personaggio” e dello scrittore ingiustamente messo in ombra e che nella sua opera maggiore, Storia dei fratelli Rupe, ha posto al centro e celebrato «quel tanto di gigantesco, di indomabile, di solenne, di impervio, di corrucciato, di antico, di sofferto che è nel paesaggio fisico e morale dei calabresi».
Ma vuole essere anche l’omaggio all’uomo avventuroso e imprudente, portato, per indole e temperamento, nella scrittura come nella vita, a travalicare la misura, a rompere gli argini della contenutezza. è l’omaggio, insomma, ad un intellettuale che si è misurato con la realtà, con la storia, con la caparbia volontà di entrare nei processi che dominano l’una e l’altra. Tutto ciò ha costituito l’unità e la ricchezza della vita di Répaci e del suo lavoro dove decantano tutte le passioni, tutte le febbri, gli impeti, le istanze e tutte le delusioni cui inevitabilmente vanno incontro gli uomini come lui, aperti, generosi e leali.
(dall’introduzione di Santino Salerno)

collana: Varia , 2009 ,pp 254
,
isbn: 9788849824629