Grazia Deledda

L’edera

a cura di Dino Manca

18,53 19,50

Uscito in Italia nel 1908 – dopo che già nel 1907 i tedeschi e i francesi lo avevano accolto con entusiasmo – il romanzo L’edera ci è stato trasmesso attraverso un autografo e quattro

Uscito in Italia nel 1908 – dopo che già nel 1907 i tedeschi e i francesi lo avevano accolto con entusiasmo – il romanzo L’edera ci è stato trasmesso attraverso un autografo e quattro

Uscito in Italia nel 1908 – dopo che già nel 1907 i tedeschi e i francesi lo avevano accolto con entusiasmo – il romanzo L’edera ci è stato trasmesso attraverso un autografo e quattro edizioni a stampa. Il racconto di fatto ruota intorno al vissuto di Annesa, la «figlia d’anima», la giovane serva che si innamora del proprio padroncino, Paolo Decherchi. La maturazione del personaggio avviene significativamente sulla «via di Damasco», dalla cecità del male alla luce del bene, implicata nella pragmatica di esistenti immodificabili nei loro ruoli e dietro le loro tragiche maschere. La coscienza del peccato che si accompagna al tormento della colpa e alla necessità dell’espiazione e del castigo, la pulsione primordiale delle passioni e l’imponderabile portata dei suoi effetti, l’ineluttabilità dell’ingiustizia e la fatalità del suo contrario, segnano l’esperienza del vivere di una umanità primitiva, malfatata e dolente, «gettata» in un mondo unico, incontaminato, di ancestrale e paradisiaca bellezza, spazio del mistero e dell’esistenza assoluta.

X

Rassegna

Condividi

Ti potrebbe interessare…