Santino Cavaciuti

Essere e libertà

Itinerari verso la tesi dell'"essere originario" come libertà

Cartaceo
11,40 12,00

La tesi fondamentale del volume, presentata secondo un progressivo approfondimento della medesima, è l’identità dell’essere originario con la libertà, intesa come potenza di iniziativa, di creatività.
Su quella di fondo si innesta la tesi della

La tesi fondamentale del volume, presentata secondo un progressivo approfondimento della medesima, è l’identità dell’essere originario con la libertà, intesa come potenza di iniziativa, di creatività.
Su quella di fondo si innesta la tesi della essenziale “vocazione” della libertà: quella del passaggio dalla condizione di “potenzialità” alla sua “attualità”, in forza della sua natura, cioè di essere potenza di. E l’attualità della libertà come “potenza di creatività” è la creatività in atto, che è “donazione di essere”: in altre parole, è amore. Per cui la “vocazione” della libertà è l’amore.
Proprio in quanto la libertà è “informata” di una sua “vocazione” a “realizzarsi” in amore, essa non è “statica”: è un “inizio”, non è un “risultato”, non è il “valore supremo”, se non “in potenza”.
Sulla base di queste due tesi, è dato comprendere, quale declinazione somma della libertà, come l’Assoluto sia concepito come Amore, cioè come Libertà, “Potenza di creatività” totalmente “realizzata”.

Rassegna

  • Asprenas 2019.03.21
    Filosofia
    di Francesco De Carolis

Condividi

Ti potrebbe interessare…