Edward Lear

Diario di un viaggio a piedi

Un carattere assai eccentrico, un artista genuino, un viaggiatore versatile: questo è l’inglese Edward Lear, che il 25 luglio 1847 si mette in viaggio, insieme all’amico Proby, per un “tour” a piedi della provincia

Un carattere assai eccentrico, un artista genuino, un viaggiatore versatile: questo è l’inglese Edward Lear, che il 25 luglio 1847 si mette in viaggio, insieme all’amico Proby, per un “tour” a piedi della provincia di Reggio Calabria. Saluterà, il 5 settembre, dalla nave e con tristezza, non solo i paesaggi e le cittadine visitate, ma i calabresi che gli erano entrati nel cuore.
Aveva premesso: “Il nome di Calabria in se stesso ha non poco di romantico”, figurandosi montagne, foreste, vedute da dipingere. Quaranta giorni di viaggio a piedi permettono di conoscere – a lui e ai suoi mai annoiati lettori – luoghi “pittoreschi” e calabresi impensati, spazi naturali e caratteri umani della “punta d’Italia” nel turbine della metà dell’Ottocento. L’esperienza calabrese di Lear, il “sentiero dell’inglese”, viene riproposta oggi con un soggiorno itinerante nel Parco dell’Aspromonte.

Diario di un viaggio a piedi – Cartaceo
7,51 7,90
Diario di un viaggio a piedi – Ebook
4,27 4,49
Pulisci

Condividi

Ti potrebbe interessare…