Forme letterarie del Medioevo romanzo: testo, interpretazione e storia

XI Congresso Società Italiana di Filologia Romanza (Catania, 22-26 settembre 2015)

a cura di Antonio Pioletti Stefano Rapisarda

Cartaceo
39,90 42,00

“Perché un argomento così generale in un congresso della Società Italiana di Filologia Romanza dal titolo “Forme letterarie del Medio Evo romanzo: testo, interpretazione e storia?” Diciamo che non mi è sembrato inopportuno in

“Perché un argomento così generale in un congresso della Società Italiana di Filologia Romanza dal titolo “Forme letterarie del Medio Evo romanzo: testo, interpretazione e storia?” Diciamo che non mi è sembrato inopportuno in un convegno dedicato a uno dei nodi-chiave della Filologia romanza proporre qualche considerazione generale su un tema organicamente affine e direi preliminare che in realtà è profondamente radicato nella migliore tradizione europea dei nostri studi, tanto da rappresentarne ancora nel mondo uno degli emblemi e degli aspetti più stimolanti e attuali, pur dopo molte innovazioni e rivoluzioni che sono intervenute soprattutto sulla concezione del testo e delle sue possibili analisi e che hanno visto spesso in primo piano, di nuovo, proprio filologi e linguisti romanzi e slavi, ovvero le due aree più organicamente attraversate da una necessaria dinamica comparatistica (e non è dal comparatismo, progenitore di ogni metodo successivo, strutturalismo in testa, che trae origine la nostra disciplina, in origine anche Lingue e letterature neolatine comparate?).” (Roberto Antonelli)