Gianni Vattimo, Carmelo Dotolo

Dio: la possibilità buona

Un colloquio sulla soglia tra filosofia e teologia a cura di

a cura di Giovanni Giorgio

Cartaceo
10,00

Le posizioni del filosofo Gianni Vattimo e del teologo laico Carmelo Dotolo partono dal comune denominatore della comprensione del fenomeno della secolarizzazione moderna e contemporanea, quale traduzione immanente dei valori religioso-sacrali del cristianesimo. Se

Le posizioni del filosofo Gianni Vattimo e del teologo laico Carmelo Dotolo partono dal comune denominatore della comprensione del fenomeno della secolarizzazione moderna e contemporanea, quale traduzione immanente dei valori religioso-sacrali del cristianesimo. Se così è, allora la secolarizzazione deve comprendersi come figlia del cristianesimo, e non come sua liquidazione. Nelle figure della creazione e, soprattutto, dell’incarnazione ci sono infatti le premesse per un mondo non più sacro: esse reclamano un mondo che sia altro da Dio, un mondo secolare appunto.
Questo però non è senza conseguenze per lo stesso cristianesimo e per un’esperienza di fede che voglia essere aderente ai tempi attuali. Dobbiamo ancora considerare Dio come il fondamento metafisico del mondo? Oppure Dio ormai è colui che, secolarizzato, è stato disintegrato come Dio e trasformato in utopia buona della storia? O forse il profilo di un Dio-amore può lasciar essere il mondo nella sua alterità, rimanendo possibilità buona per la storia? Ognuno di noi sta dentro le risposte date a queste domande da parte di due maestri che, dal lato della filosofia e dal lato della teologia, indicano strade intelligenti percorribili.

collana: Problemi aperti , 2009 ,pp 114
,
isbn: 9788849824544