L'impresa criminale
La criminalità organizzata tra politiche di prevenzione e stategie di contrasto

Special Price €11,40

Prezzo Pieno: €12,00

aggiungi al carrello
aggiungi alla whishlist

Collana: #sociologie
2020, pp 138
Rubbettino Editore, Società e scienze sociali, Sociologia, Universita, Sociologia, Sociologia della devianza, Politiche della Sicurezza e dell'Intelligence
isbn: 9788849862768
Le analisi più recenti della criminalità organizzata hanno evidenziato profonde trasformazioni nelle organizzazioni criminali, in sintonia con i processi di globalizzazione e di sviluppo tecnologico. Rimangono spesso sullo sfondo, tuttavia, l’individuazione concreta e la portata di tali “innovazioni”, di come esse influiscono sui tradizionali assetti organizzativi e sulla formazione di nuovi gruppi criminali. Le scienze sociali e l’azione di contrasto alla criminalità si trovano, dunque, di fronte al compito di individuare le nuove modalità di “fare impresa” da parte delle organizzazioni criminali. Ciò è sempre più urgente, al fine di rendere visibili i mutamenti concreti con cui le organizzazioni criminali rafforzano la loro presenza nelle tradizionali zone d’insediamento e in quelle di nuova espansione, sfruttando le opportunità offerte dai mercati e dalle nuove tecnologie. Questo libro intende contribuire a fare luce su questi temi, analizzando il complesso delle nuove caratteristiche che rendono la criminalità “impresa”, attraverso l’utilizzo di nuovo know-how e l’investimento di capitali verso aree innovative e ad alto contenuto tecnologico. Si farà dunque riferimento ai contributi delle scienze sociali che più si muovono nella direzione della valorizzazione dello spessore pluridisciplinare delle analisi e che consentono di sviluppare la multidimensionalità delle politiche pubbliche. Da ciò dipende, per molti versi, la maggiore incisività dell’azione di contrasto e un approccio proattivo di policy che sia capace non solo di agire expost, ma anche di anticipare i nuovi trend criminali.