Quella pace che non si fece
Francesco Saverio Nitti e la pace tra Europa e Mediterraneo (1919-1922)

Special Price €17,10

Prezzo Pieno: €18,00

aggiungi al carrello
aggiungi alla whishlist

Collana: Fondazione "Francesco Saverio Nitti"
2020, pp 254
Rubbettino Editore, Storia, Storia generale e mondiale, Universita, Storia , Storia delle relazioni internazionali, Storia dell’Italia contemporanea , Età liberale
isbn: 9788849863987
Il movimentato passaggio dalla Grande guerra alla pace è spesso associato, in Italia, all’immagine di un Paese che virava senza freno verso quel “sacro egoismo” sempre più incarnato dall’esperienza dell’occupazione di Fiume e dal mito della “vittoria mutilata”. Instancabile artefice di un progetto di pace europea e mondiale di ampio respiro fu invece Francesco Saverio Nitti, al governo dal 1919 al 1920, che provò a fare dell’Italia postbellica un elemento importante dei nuovi equilibri di pace mondiali. Sostenitore fin dalla prima ora di un necessario revisionismo dei trattati di pace in senso democratico, affrontò i nodi gordiani della rifondazione europea, dalla necessità di una pace equa con la Germania al reinserimento della Russia bolscevica nel sistema internazionale, e operò in prima persona per garantire le basi di una pace duratura in un Mediterraneo ormai in fiamme. La prematura caduta del suo governo, spesso interpretata come vera e propria fine del liberalismo italiano, significò anche la fine di un’alternativa identitaria nazionale che fino a quel momento aveva fatto da solido contraltare al montare del nazionalismo e al fascismo incipiente.

Potresti essere interessato ai seguenti libri