Polpo immondo
Tabù alimentari nel mondo antico

Special Price €7,59

Prezzo Pieno: €7,99

* Campi Obbligatori

Special Price €7,59

Prezzo Pieno: €7,99

aggiungi al carrello aggiungi alla whishlist

Collana: Varia
2017
Rubbettino Editore, Letteratura, Poesia e Teatro, Antologie, Storia, Universita, Antropologia e Studi etnologici
isbn: 9788849853650
Tag: polpo, tabù, mondo, antico
Cartaceo disponibile

In alcune comunità religiose del mondo antico, il divieto di mangiare polpi era parte di una struttura di pensiero che si esprimeva per coppie d’opposti: sacro e profano, mondo e immondo, puro e impuro, lecito e illecito. I cibi erano consentiti o proibiti non perché influenzassero la salute di corpo e anima ma perché si avvertiva il bisogno di ordinare il mondo. L’octopus, oltre ad incarnare vizi e difetti degli uomini, era considerato un mostro votato al male e all’annientamento. Le narrazioni su polpi maestosi, orrendi e famelici erano funzionali alla società: rafforzavano la fede, rinsaldavano la coesione sociale e dettavano regole a cui tutti dovevano sottomettersi. Kraken, piovre e cefalopodi giganteschi rappresentavano la fase primordiale, mai superata e dominata dagli istinti bestiali, nella quale gli uomini, per mancanza di regole,potevano precipitare in qualsiasi momento.