Il caso degli speleologi di Lon L. Fuller e alcuni nuovi punti di vista
Un approccio alla filosofia del diritto attraverso dieci pareri di fantasia

A cura di

Special Price €14,25

Prezzo Pieno: €15,00

aggiungi al carrello
aggiungi alla whishlist

Collana: Res Publica
2012, pp 164
Rubbettino Editore, Filosofia e Religione, Universita, Filosofia, Filosofia del diritto
isbn: 9788849835564

The Case of the Speluncean Explorers è certamente l’opera più nota del filosofo del diritto americano Lon L. Fuller (1902-1978), in cui l’autore immagina un processo a carico di quattro speleologi accusati di aver ucciso e mangiato un loro quinto compagno che li accompagnava in una sfortunata spedizione. Fuller nell’operetta espone i cinque pareri di altrettanti giudici dell’ipotetica Corte Suprema di Newgarth: ogni parere incarna una posizione giusfilosofica, e nel suo complesso l’opera introduce il lettore ad alcune delle più importanti questioni giusfilosofiche di tutti i tempi, quali l’interpretazione della legge, il rapporto tra i poteri dello Stato, i limiti della legittima difesa, la pena di morte. Al «caso» fanno seguito i pareri di Anthony D’Amato e di Andrea Porciello. I dieci pareri sono infine corredati da due saggi di Andrea Porciello, il primo su Fuller e i concetti chiave del suo pensiero e il secondo in cui si esplicita la filosofia contenuta nei pareri riportati.