Filologi in guerra e in pace
Bédier, Auerbach, Curtius, Friedmann, Spitzer, Bloch

Special Price €14,25

Prezzo Pieno: €15,00

aggiungi al carrello
aggiungi alla whishlist

Collana: Medioevo Romanzo e Orientale
2020, pp 172
Rubbettino Editore, Linguistica, Letteratura, Poesia e Teatro, Universita, Letteratura e Linguistica, Letteratura, Linguistica e Filologia romanza
isbn: 9788849866797
4 ottobre 1914. Il “Manifesto dei 93” professori tedeschi in difesa dell’esercito imperiale invasore del Belgio scatena appassionate adesioni e furibonde reazioni, e rompe l’incantesimo che s’era prodotto dall’Illuminismo in avanti: che l’uomo di scienza fosse votato a un fine superiore, la ricerca della verità “universale”, valida per l’umanità, e non di una verità “nazionale”. Sul lato opposto, anche Joseph Bédier si lancia nell’agone con alcuni pamphlets che sollecitano ancora oggi domande fondamentali sul modo in cui gli uomini di scienza si pongono dinanzi alla tragedia della guerra, tra adesione incondizionata alla nazione o aspirazione a una superiore “repubblica delle lettere”, nazionalismo o cosmopolitismo, militanza attiva o disincanto, fedeltà alla deontologia del mestiere filologico o tentazioni di manipolazione, rottura di consolidate relazioni scientifiche o tessiture di reti sovranazionali tra “uomini di buona volontà”.