Delizioso il nuovo libro di Alessandra Uriselli “Dolci di Calabria” (corrieredelvino.it)

di Giorgio Dracopulos, del 22 febbraio 2021

Le specialità regionali e i golosi Dolci di Calabria nelle ricette del nuovo libro di Alessandra Uriselli.

Bernard Berenson (classe 1865) famoso Storico dell’Arte Statunitense amava moltissimo l’Italia, tanto da finire la sua vita a Fiesole (FI) il 6 Ottobre 1959, nel descrivere la Regione Calabria ha lasciato queste parole: “Lunghe ore di sogno con un panorama di meravigliosi scenari incantati”.

 

Ecco questa è la Calabria, la punta geografica dello “stivale” Italico, un territorio magnifico bagnato da due Mari (Tirreno e Ionio) e baciato dal fantastico sole del Clima Mediterraneo.

 

La Calabria tra l’VIII e il IV Secolo a. C. era il cuore pulsante della “Magna Grecia”(Μεγάλη ῾Ελλάς) il complesso di Colonie Greche fondate in Italia Meridionale: proprio i Greci la chiamavano già “Καλαβρία” (Calabria).

 

Una Terra vasta, arricchita dalle sfaccettature delle sua conformazione geologica, che presenta una prevalenza collinare/montuosa.

 

La Calabria è ricca di Storia, di Arte, di Parchi Naturali e di bellissime Località Turistiche. In questa Regione si può ancora sentire parlare, tra gli altri, il dialetto Greco-Calabro (o Grecanico) e la Lingua Arbëreshë (dialetto della minoranza etno-linguistica Albanese d’Italia).

 

Il Popolo Calabrese ha una particolare sensibilità, una speciale cortesia e un fascino specifico che deriva proprio da un’antichissima Civiltà illuminata come quella Greca.

 

L’agricoltura Regionale si basa soprattutto sulla coltivazione di olivi, viti e agrumi, qui si allevano anche ovini e caprini oltreché suini e bovini. In tale magnifica Terra si sono sviluppati, attraverso i secoli, un’infinità di straordinari prodotti agroalimentari, moltissimi dei quali sono riconosciuti anche dal Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali come “Prodotti Agroalimentari Tradizionali Calabresi” (P.A.T.).

 

Una delle preparazioni più caratteristiche Calabresi è certamente la “Nduja di Spilinga”. La Nduja è un insaccato (spalmabile) fatto con un impasto, morbido e affumicato, delle parti meno nobili del maiale insieme ad abbondante peperoncino rosso Calabrese.

Un altro frutto della Terra particolarmente interessante è la “Cipolla di Tropea” (importate dai Fenici e coltivata qui da più di 2000 anni), una cipolla rossa eccezionale (Calabria I.G.P.), coltivata in un Territorio racchiuso tra il Comune di Nicotera (VV) e il Comune di Amantea (CS). Lungo la fascia costiera la produzione prevalente è tra i Comuni di Briatico e Capo Vaticano (VV).

Potrei citare tra i moltissimi formaggi il “Pecorino Crotonese Semistagionato” e il “Caciocavallo Silano D.O.P.” e poi tantissimi altri prodotti come l’Olio Extravergine di Oliva, i bergamotti, i peperoncini, i salumi, una produzione infinita che nasce dalla lavorazione della Terra, dall’Allevamento e dalla Pesca.

Una grande scelta di materie prime di qualità porta di conseguenza a una millenaria Tradizione Culinaria, non omogenea, ma strettissimamente legata a feste religiose e a eventi particolari di carattere familiare o di portata più vasta.

Una Cucina di eccellenza che ha subito attraverso i Secoli importanti influenze, in Calabria infatti oltre ai Greci si sono avvicendati i Romani, gli Arabi, gli Albanesi, i Normanni e gli Spagnoli.

Ecco che per aiutarci nella conoscenza più approfondita della Tradizione Dolciaria della Regione è uscito, a Dicembre 2020, il nuovo Libro “Dolci di Calabria” di Alessandra Uriselli.

Alessandra Uriselli

Nata a Catanzaro il 30 marzo 1983, fin da giovanissima ha vissuto a Bolzano. Dopo le Scuole dell’Obbligo ha conseguito la Maturità Linguistica presso il Liceo “Giosuè Carducci” di Bolzano, successivamente, nel Marzo del 2007, si è Laureata in Lingue e Letterature Moderne all’Università degli Studi di Trento. Dopo varie esperienze all’Estero Alessandra si è specializzata in diverse Lingue Straniere: Inglese, Tedesco, Francese, Albanese, Spagnolo e Portoghese.

Oltre alla spiccata passione verso le Lingue Straniere, Alessandra s’interessa di Viaggi e Fotografia e ha una speciale predisposizione nei rapporti internazionali e interpersonali; ma da sempre ha anche un’altra straordinaria passione, quella per la Cucina, specialmente per le preparazioni dolciarie e quelle etniche.

Quest’ultima inclinazione le ha fatto fare negli anni, grazie alla sua bravura, diverse esperienze come la partecipazione da ospite alla Trasmissione di Cucina “2 Chiacchiere in Cucina” sulla Rete “Gold Telepadova”, la Preparazione di Buffet per svariati Eventi, provini presso “Magnolia Tv” per “Bake-off 2013” e “Masterchef 2015”, oltre a moltissimi Cooking Show.

Alessandra Uriselli scrive ricette per famosi Brand Alimentari Italiani e Riviste di Cucina, nel 2012 ha aperto, con grande successo, il suo Blog “Dolcemente Inventando”.

Il libro Dolci di Calabria

Ma torniamo al Libro “Dolci di Calabria” che è stato pubblicato dalla Casa Editrice Calabrese “Rubbettino” e che si presenta nel comodo formato 15×21 cm. con 135 pagine ricchissime di belle foto a colori. Le foto dove si vede Alessandra Uriselli sono del Fotografo Mario Amelio mentre quelle delle preparazioni dolciarie sono dell’Autrice stessa.

Dopo una suggestiva introduzione dove Alessandra racconta con molta dolcezza la sua vita, con un particolare e struggente ricordo di Nonna Assunta (a cui ha dedicato il Libro), c’è una parte intitolata “La Calabria e la sua Tradizione Dolciaria” a cui fanno seguito tre Capitoli dai Titoli ben chiari: “Il Miele di Calabria”, “Eccellenze Calabresi”, “Le Coste e le loro Specialità”.

Di seguito 20 Ricette di “Dolci Tradizionali Calabresi” e altre 20 Ricette di “Dolci ai Sapori Calabresi”: tutte preparazioni accuratamente dettagliate e illustrate.

Leggendo il delizioso Libro “Dolci di Calabria” si evince chiaramente la passione dell’Autrice per la materia e per la sua Terra di origine oltre a scoprire che, come scrive Lei stessa: “È l’amore l’ingrediente segreto di ogni ricetta”.