Una micro-teoria del potere
Pierre Bourdieu tra etnografia, cultura e relazionalità

Special Price €10,20

Prezzo Pieno: €12,00

aggiungi al carrello
aggiungi alla whishlist

Collana: Scaffale universitario
2013, pp 156
Rubbettino Editore, Società e scienze sociali, Sociologia
isbn: 9788849837711

Questo libro focalizza la sua riflessione su una fase determinante nella produzione di Bourdieu, tra la “discesa etnografica” nell’inferno sociale dell’Algeria colonizzata – ancora in attesa di liberazione – e l’immersione nel verticismo istituzionalizzato della società francese. In questo periodo (1955-1975) emergono tre posture intellettuali e di metodo (etnografico, culturale, relazionale), che consentono a Bourdieu di sviluppare in modo innovativo una micro-teoria del potere sociale. Lo studioso francese disvela i meccanismi di naturalizzazione del potere, pensando il mondo piuttosto che essere pensato da esso, smontando e comprendendo i suoi meccanismi, e riappropriandosene intellettualmente e materialmente.