Sergio Bruni
Una difficile trasformazione. Le imprese meridionali negli anni Novanta

Special Price €8,50

Prezzo Pieno: €10,00

aggiungi al carrello
aggiungi alla whishlist

Collana: Varia
2005, pp 146
Rubbettino Editore, Economia e Finanza, Problemi e processi economici
isbn: 9788849812688
Questo libro analizza le principali trasformazioni che hanno caratterizzato l'economia del Mezzogiorno d'Italia negli ultimi decenni. La crescita e l'affermazione dei sistemi locali di piccola impresa ha permesso di contenere il declino dell'occupazione nel comparto manifatturiero, che la crisi dei grandi impianti ed il relativo processo di ristrutturazione avrebbe provocato. Gli anni Ottanta hanno indubbiamente costituito il momento di maggior dinamismo dei sistemi ad industrializzazione leggera ed i successi sono stati conseguiti con l'aumento delle vendite sul mercato interno e su quello estero. La crescita delle esportazioni ha costituito un altro aspetto rilevante che ha caratterizzato la recente evoluzione dell'economia meridionale ed ha rappresentato qualcosa di più che un'occasione di successo per le imprese meridionali, ha costituito un motore per lo sviluppo e la crescita ma la presenza sui mercati internazionali è sufficiente, nel lungo periodo, ad assicurare l'avvio di un circolo virtuoso di crescita, o le debolezze che hanno connotato e connotano tale zone alla fine condizioneranno i processi di crescita?Gli anni Novanta hanno costituito un periodo di mutamenti dai segni contrastanti per le imprese meridionali. Il deprezzamento della lira ha permesso all'economia meridionale di affrontare i problemi di competitività e di mantenere quote del commercio estero. I processi di ristrutturazione hanno, comunque, determinato una riduzione dell'occupazione nei sistemi locali di piccola impresa, interrompendo una crescita che durava da lungo tempo. Il quadro sui mercati internazionali è, inoltre, mutato significativamente a partire dalla seconda metà degli anni Novanta evidenziando i problemi e le debolezze di un sistema produttivo troppo orientato alla produzione di beni del comparto del made in Italy.