Un vaso di coccio
Dai governi locali ai governi privati. Comuni sciolti per mafia e sistema politico istituzionale in Calabria

Special Price €9,00

Prezzo Pieno: €12,00

aggiungi al carrello
aggiungi alla whishlist

Collana: Scaffale Universitario
2004, pp 244
Rubbettino Editore, Fuori Catalogo
isbn: 8849807228
Prefazione di Aldo Bonomi
«Sì, è bene ribadirlo se ancora esistessero pregiudizi al riguardo. Anche la comunità può essere maledetta. Anche l'entità che una vulgata ingenua fino alla stolidità descrive come un ambiente popolato dai buoni sentimenti del reciproco riconoscimento e dell'affinità di vedute, di punti di vista e linguaggi, può rivelarsi come la sede di comportamenti violenti, di sopraffazione e di ingiustizia sociale.
Un vaso di coccio documenta l'esistenza di questa fenomenologia ricostruendo la vicenda dei comuni le cui amministrazioni sono state oggetto di“attenzioni” mafiose.
Un vaso di coccio incontra il problema principale dei Comuni e dei loro rappresentanti, quello di essere l'anello debole di una catena decisionale che non riguarda certamente i soli aspetti della legalità ma l'intera gamma dei problemi sociali ed economici.
Dallo Stato si debbono attendere molte delle risposte alle domande che nel frattempo quei problemi hanno generato. Al contempo, credo però che nessun intervento pur illuminato e lungimirante dello Stato possa e debba sostituire l'azione che la società meridionale, con i suoi attori, è in grado di mettere in campo.
Forse, si contasse un po' di più su questa società anche i vasi non si rivelerebbero più così fragili come sono quelli di coccio. Fuor di metafora, anche gli amministratori locali non si sentirebbero più così soli ad affrontare problemi più grandi di loro».dalla Prefazione di Aldo Bonomi
Premio letterario internazionale Feudo di Maida 2004
2° classificato sez.Narrativa
Maida (CZ)