Tutti muoiono troppo giovani
Come la longevità sta cambiando la nostra vita e la nostra fede

Special Price €8,50

Prezzo Pieno: €10,00

aggiungi al carrello
aggiungi alla whishlist

Collana: Problemi Aperti
2016, pp 108
Rubbettino Editore, Fede e Spiritualità
isbn: 9788849846386

Nessuno, ma proprio nessuno di noi, cittadini dell’Occidente avanzato, accetta più di considerarsi o di venire considerato “vecchio”. A qualsiasi età qualcuno muoia, muore giovane. Anzi: troppo giovane. E tutto ciò perché la vecchiaia nel nostro tempo è scomparsa, ostracizzata, resa oscena, diventata non più degna di venire a parola, praticamente espulsa dal ciclo naturale dell’esistenza umana. Siamo messi così di fronte all’effetto più conturbante che l’odierno fenomeno della longevità di massa ha sull’immaginario diffuso: grazie ad essa, non si pensa di avere oggi una vita semplicemente più lunga dei nostri antenati, il cui ultimo tratto si chiama appunto vecchiaia, naturalmente proiettato sull’evento della morte. Si ritiene piuttosto di avere a propria disposizione più vite, più esistenze, più possibilità, più occasioni, in cui ricominciare sempre daccapo e grazie alle quali potersi sentire sempre giovani e disponibili a nuovi cambiamenti e progetti, eterni tirocinanti nel laboratorio dell’esistenza. In ogni caso mai adulti o vecchi o semplicemente mortali. Ed è per questo che si muore sempre troppo giovani ed alla realtà della morte viene tolto quel valore di questione ultima e decisiva per la qualità della vita stessa. Questo libro interroga in profondità tali cambiamenti, la loro ripercussione nell’ambito delle relazioni educative e sociali, ed infine il loro effetto sulla pratica della fede, mai immune da ciò che tocca l’umano che è comune. Cosa potrà più, infatti, significare credere in un messaggio che parte dall’annuncio della vittoria di Cristo sulla morte, nell’evento della risurrezione, nell’epoca in cui si consuma sempre di più la “morte” della morte?

+ Rassegna stampa