Trame. Festival dei libri sulle mafie ()

di Redazione, del 17 giugno 2011

logotrame

“TRAME” IL FESTIVAL DEI LIBRI SULLE MAFIE IN PROGRAMMA A LAMEZIA TERME DAL 22 AL 26 GIUGNO.
Settanta libri, oltre cento personaggi ad introdurli assieme agli autori, undici magistrati, ventisei giornalisti, dieci studiosi nella veste di scrittori e anche due sacerdoti. Sono questi alcuni dei numeri di questa prima edizione.  Il festival dei libri sulle mafie è un tentativo di rovesciare un contesto, di essere un nuovo strumento contro l’omertà.
“Trame” nasce dall’idea di Tano Grasso presidente onorario della Federazione delle associazioni antiracket e antiusura che da circa un anno è assessore alla Cultura del Comune di Lamezia Terme , di cui è sindaco Gianni Speranza. La direzione del festival è affidata al giornalista Lirio Abbate.
Il festival è organizzato dal Comune di Lamezia con la collaborazione dell’Associazione Antiracket Lamezia Onlus , il sostegno dell’AIE Associazione Italiana Editori e sotto gli auspici del Centro per il Libro e la Lettura.
Cinque giorni di dibattiti, con la partecipazione di giornalisti, magistrati, scrittori, amministratori locali, dalle 18 alle 24, in tre luoghi del centro storico di Lamezia: Palazzo Nicotera, Piazzetta San Domenico, Palazzo Panarati.
In tutto ciò non poteva mancare la presenza della casa editrice Rubbettino, da sempre impegnata su questo fronte, basta citare per ultima la campagna “non bacio le mani”, campagna di sensibilizzazione antimafia, un invito a promuovere la lettura come strumento di conoscenza utile a contrastare i fenomeni mafiosi.
I titoli e gli autori Rubbettino presenti al Trame: ‘‘Ndrangheta padana di Enzo Ciconte; Matteo Messina Denaro. La mafia del camaleonte di Fabrizio Feo; La Calabria sottosopra di Nino Amadore; Obiettivo Falcone. Dall’Addura a Capaci misteri e storia di un delitto annunciato di Luca Tescaroli; Il Gotha di cosa nostra di Piergiorgio Morosini.

www.tramefestival.it