Theodor Herzl
Il Mazzini d'Israele

Special Price €12,75

Prezzo Pieno: €15,00

aggiungi al carrello
aggiungi alla whishlist

Collana: Studi internazionali
2010, pp 258
Rubbettino Editore, Biblioteca liberale, Saggi, Politica, Ideologie e culture politiche
isbn: 9788849827460
Prefazione di Francesco Cossiga
Con l'istituzione del Congresso Sionista nel 1897 Theodor Herzl diede voce e forma alle molteplici anime dell'ebraismo, traghettando l'antica questione ebraica dalla sfera social-religiosa alla più appropriata dimensione giuridico-diplomatica internazionale. Egli riuscì così a imporsi all'attenzione dei grandi della terra e a far sì che dall'ottocentesca idea di nazione gli ebrei non fossero esclusi. Dando vita al“Parlamento della nazione ebraica”, che avrebbe ininterrottamente presieduto fino alla morte (1904) e, quindi, attraverso sei congressi, Herzl avrebbe anticipato così la successiva fondazione dello Stato e la legittimazione del territorio sul quale Israele sarebbe poi effettivamente nato. Come già intuito all'indomani della prima guerra mondiale da Francesco Ruffini, il ruolo di Herzl nel risveglio nazionale ebraico può esser paragonato a quello svolto da Giuseppe Mazzini nella storia italiana: entrambi si fecero promotori di una sfida alla realtà e al realismo dei loro tempi, entrambi seppero esprimere straordinaria dedizione alla cosiddetta politica dell'irrealtà.
+ Rassegna stampa