Miklós Hubay
The rest is silence
Tragedia in due atti con un intermezzo

A cura di Luigi Tassoni

Special Price €8,50

Prezzo Pieno: €10,00

aggiungi al carrello
aggiungi alla whishlist

Collana: Varia
2008, pp 86
Rubbettino Editore, Letteratura, Poesia e Teatro, Letteratura e studi teatrali
isbn: 9788849820065
Con un saggio di Luigi Tassoni.
Traduzione dall'ungherese e postfazione di Judit Józsa
Questa, che è una delle opere più recenti del grande drammaturgo e scrittore ungherese Miklò s Hubay, può essere letta come un romanzo, in quanto ha le qualità per attirare il lettore come lo spettatore di oggi.The rest is silence, che prende il titolo dall'ultima battuta del monologo di Amleto, parla della morte di una lingua, una delle decine e decine di lingue“minori” che spariscono ogni giorno nel mondo in seguito ai cataclismi della storia contemporanea. Questo evento ha ispirato a Hubay la storia di una giovane, Aleluja, condannata a morte perché ultima rappresentante del proprio popolo, in dialogo con il suo carceriere che stranamente parla la sua lingua (e scopriremo il perché), e con un inesperto gesuita accorso a cogliere dalla bocca di Aleluja le parole del popolo estinto, quelle stesse annotate dai padri missionari nel XVIII secolo.La tragedia si svolge fra dialoghi fitti, momenti onirici ( tra cui il bellissimo intermezzo) e momenti di profonda, intensa partecipazione umana. Quale il destino di Aleluja? E quello del suo carceriere? E quello dell'idealista gesuita? I tre destini sono accomunati e diversi, e comunque tutti e tre nell'insieme immagine esemplare del mondo contemporaneo.