Stato e Libertà
Il carteggio Jabotinsky-Sciaky (1924-1939)

A cura di

Special Price €21,25

Prezzo Pieno: €25,00

aggiungi al carrello
aggiungi alla whishlist

Collana: Saggi
2002, pp 214
Rubbettino Editore, Politica, Scienza e teoria politica
isbn: 9788849803600
Il carteggio tra Vladimir Jabotinsky (1880-1940) e Isacco Sciaky (1896-1979) è il primo scambio epistolare tra uno dei leader del sionismo mondiale e un esponente italiano che viene pubblicato. Le lettere coprono quindici anni, che corrispondono sostanzialmente alla vita dell'Unione mondiale dei sionisti-revisionisti, il partito fondato da Jabotinsky con Mussolini, la creazione di una Scuola di istruttori del Betar, l'organizzazione giovanile affiliata al sionismo revisionista, e l'azione filo-sionista del marchese Alberto Theosoli in seno alla Commissione permanente dei Mandati presso la Società delle Nazioni. Il carteggio presenta altresì scorci di vita ebraico-sionista italiana ancora da esplorare a fondo, e rivela la problematicità politica e spirituale che l'Italia fascista, che pur riscontrava "affinità" ideologiche col partito jabotinskiano, potesse sostenere le pretese sioniste di ristabilire un "focolare nazionale ebraico" in Palestina.