Stalin e l'Italia (1943-1945)
Diplomazia, sfere di influenza, comunismi

Special Price €15,30

Prezzo Pieno: €18,00

aggiungi al carrello
aggiungi alla whishlist

Collana: Studi Internazionali
2013, pp 300
Rubbettino Editore, Storia, Storia generale e mondiale
isbn: 9788849838817

Stalin non aveva mire sull’Italia ma mirava ad un’Italia politicamente stabile, non semplicemente neutrale, ma indipendente. La realtà del controllo militare alleato sulla penisola contraddiceva tale visione. La condotta anglo-americana rallentava la guerra contro la Germania e metteva in pericolo l’instaurazione della democrazia in Italia, concepita in termini di antifascismo ma non di sovietismo. Con la ripresa delle relazioni dirette, Mosca indicava al governo italiano un preciso percorso per il dialogo bilaterale, invitando gli italiani a non identificare la politica sovietica con la diffusione del comunismo. I sovietici gettavano le basi per una futura politica e non per un accordo transitorio; stava alla nostra diplomazia valutare l’utilità di intraprendere o meno tale percorso.

Potresti essere interessato ai seguenti libri