Vita pubblica e ragion pratica
scritti scelti

A cura di

Special Price €10,20

Prezzo Pieno: €12,00

aggiungi al carrello
aggiungi alla whishlist

Collana: Res Publica
2004, pp 198
Rubbettino Editore, Filosofia e Religione, Storia della filosofia occidentale
isbn: 8849807880
In questo volume si raccolgono per la prima volta tradotti in italiano gli scritti politico-filosofici più significativi di Leonard Nelson. Si rappresenta qui in particolare ilpercorso teorico che conduce ilfilosofo tedesco da un iniziale liberalismo dai tratti eticistici ad un socialismo non marxiano ma nemmeno libertario. d'estrazione kantiana Nelson legge il "criticismo" con gli occhiali che gli propone la dottrina di Fries (il rivale di Hegel), e sviluppa un pensiero che ad un certo momento, ritenendosi capace di riconoscere il "vero interesse" dei consociati senza passare per la deliberazione di questi, sfocia in una posizione platonista ed elitista. Nondimeno, c'è tanto da imparare dalle idee e dal sistema di Nelson, almeno per ciò che concerne il metodo (ch''egli definisce "socratico") e l'elaborazione dei postulati della sua filosofia pratica e delle procedure di argomentazione (tra le quali introduce in maniera esplicita e raffinata il "bilanciamento" tra princìpi). Oltracciò , in tempi come i nostri in cui sembra prevalere la celebrazione dell'interesse "privato" e dell'"economico", se non addirittura della mera potenza, l'afflato morale di Nelson orientato al bene pubblico ed alla "vita politica" non può che risultarci salutare. E poi, dinanzi alle nebbie del "post-moderno" ed al ritorno dell'irrazionale e del "notturno", oggi nuovamente in campo, è illuminante la sua messa in gioco dell'"autostima della ragione".