Se volete ascoltare questa favola nuova...
Viaggio nell'ultimo mito pirandelliano

Special Price €7,65

Prezzo Pieno: €9,00

aggiungi al carrello
aggiungi alla whishlist

Collana: Varia
2011, pp 90
Rubbettino Editore, Arte
isbn: 9788849832976

Ilse, l’attrice protagonista de I giganti della montagna, alla fine muore: i giganti “schiacciano e distruggono lei e i suoi compagni come giocattoli”. L’opera rimane incompiuta, ma la classica rilettura di tutti i materiali, scritti e non scritti, sembra confermare questo finale. Pirandello affida, dunque, la sua ultima opera, il Teatro, la sua stessa vita ad una distruzione. Eppure – durante la stesura, in una sorta di vera e propria estasi – egli la considera il suo “capolavoro”. È un’evidente contraddizione. Lavorando con i suoi ragazzi ad un allestimento de La favola del figlio cambiato, l’autore si è chiesto: perché il Maestro incastonò ne I giganti della montagna proprio quella Favola? Qual è il nesso tra le due opere? La rappresentazione che ne seguì fu un’avventura straordinaria, ma lo studio impiegato nel tentativo di dar risposta a quelle domande ne aprì un’altra altrettanto suggestiva. Che è appunto quella che viene proposta in questo breve saggio: quella piccola favola restituisce una sorprendente luce interpretativa, non solo sui Giganti ma su tutto l’ultimo Pirandello.