Ciro Tarantino
Scrofole e re
Miracoli politici e piaghe sociali nella Napoli del terzo Millennio

Special Price €12,75

Prezzo Pieno: €15,00

aggiungi al carrello
aggiungi alla whishlist

Collana: SS19
2011, pp 208
Rubbettino Editore, Società e scienze sociali, Sociologia
isbn: 9788849831337
Le descrizioni di Napoli si ripetono identiche da oltre un secolo. Finita l’epoca del pittoresco, dei ruderi di Pompei all’ombra del Vesuvio, l’immagine ricorrente è quella di una malata cronica, i cui problemi sono sempre piaghe e la camorra un cancro. E così la città patologica aspetta di continuo, con rinnovata fede, il tocco miracoloso di un re taumaturgo o di un santo medico. Anche Pasolini era stato affascinato da questa metropoli del tempo immobile, di cui si parla sempre come della Parigi di Sue e di Hugo o della Londra di Dickens. «Io so questo – diceva –: che i napoletani oggi sono una grande tribù, che anziché vivere nel deserto o nella savana come i Tuareg o i Beja, vive nel ventre di una grande città di mare. Questa tribù ha deciso – in quanto tale, senza rispondere delle proprie possibili mutazioni coatte – di estinguersi, rifiutando il nuovo potere, ossia quello che chiamiamo la storia, o altrimenti la modernità». Aveva sperato, Pasolini, in una Napoli capitale dell’anti-moderno; per questo vi aveva ambientato Il Decameron. Aveva scelto Napoli «contro tutta la stronza Italia neocapitalistica e televisiva». E se oggi, invece, questa «sacca storica» fosse un laboratorio del governo neocapitalistico e televisivo? Se l’emergenza del rifiuto fosse la prima esposizione universale della prossima modernità?