Emanuele Bernardi
Riforme e democrazia
Manlio Rossi-Doria dal fascismo al centro-sinistra

Special Price €17,00

Prezzo Pieno: €20,00

aggiungi al carrello
aggiungi alla whishlist

Collana: Storia politica
2011, pp 354
Rubbettino Editore, Biografie e storie vere, Biografie, Personaggi storici, politici e militari
isbn: 9788849828818
Questo volume ripercorre gli snodi centrali della storia d’Italia dal fascismo agli anni dei primi governi di centro-sinistra tramite il punto di vista e l’attività di Manlio Rossi-Doria (1905-1988). Lo studio - basato su numerosi materiali inediti italiani e stranieri, provenienti dagli Stati Uniti e dalla Gran Bretagna - analizza le dinamiche attraverso le quali Rossi-Doria si allontana dal Partito comunista, aderisce al Partito d’azione e poi si dedica alla “politica del mestiere”, mentre dialoga insistentemente con i partiti di sinistra per invitarli alla modernizzazione riformatrice e a emanciparsi da una semplicistica visione re-distributiva dell’economia. Quali furono i contenuti di questa proposta, rispetto alla politica delle bonifiche del fascismo e al nuovo Stato democratico in formazione? Quali furono le reazioni dei partiti di sinistra alla proposta riformatrice rossidoriana? Fu il socialismo liberale una prospettiva in grado di incidere sulla difficile realtà del Mezzogiorno? E, più in generale, quale ruolo svolsero i tecnici nel periodo centrale della ricostruzione economica e rispetto alle relazioni internazionali durante la guerra fredda? A questi quesiti il libro risponde focalizzando l’attenzione sui tre fronti principali sui quali Rossi-Doria s’impegnò: il Mezzogiorno, gli Stati Uniti, l’Europa. Emergono i tratti inediti di una rilevante figura del Novecento, costantemente impegnata, tramite lo studio e la partecipazione politica, a combattere l’arretratezza meridionale e a favorire, nel contesto euro-atlantico, l’unificazione economica e civile tra il Nord e il Sud del Paese.