Dario Antiseri
Ragioni della razionalità
Proposte teoretiche

Special Price €25,50

Prezzo Pieno: €30,00

aggiungi al carrello
aggiungi alla whishlist

Collana: Saggi
2004, pp X+922
Rubbettino Editore, Filosofia e Religione, Biblioteca liberale, Saggi
isbn: 9788849809473
a scienza avanza in modo darwiniano, per trial and error, è questa una tesi fondamentale del razionalismo critico di Karl Popper. E Hans Georg Gadamer ha definito, nel 1996, l’ermeneutica come «la capacità di stare ad ascoltare un altro nella convinzione che potrebbe avere ragione». Razionali le teorie scientifiche perché fattualmente falsificabili e quindi sempre sotto assedio, sono razionali pure le teorie filosofiche se risultano criticabili, e sono criticabili allorché possono urtare con qualche pezzo di Mondo 3 (una teoria scientifica, un teorema matematico, un risultato logico, un’idea metafisica, ecc.) all’epoca ben consolidato e al quale, all’epoca, non siamo disposti a rinunciare. È il miraggio di fundamenta inconcussa che la più matura ricerca filosofica ha progressivamente eroso fino a farlo scomparire dal suo orizzonte. In breve, «razionale è una persona a cui importa più di imparare che di avere ragione». E val la pena ripetere con Albert Einstein che «nel campo di coloro che cercano la verità non esiste nessuna autorità umana; e chiunque tenti di fare il magistrato viene travolto dalle risate degli dèi». I rapporti tra teorie scientifiche e idee metafisiche; la riconquista razionale di quello spazio che rende possibile una scelta religiosa; le ragioni della libertà; l’oggettività dell’informazione; l’oggetto e il compito delle scienze sociali; questioni relative alla metodologia della clinica, sono queste alcune tematiche che, alla luce di una esplicita concezione anti-fondazionistica, vengono sviluppate nel presente volume.